I dischi del mese | maggio 2019

di Marco Baldini

Inauguriamo un nuovo appuntamento dedicato alle tre uscite discografiche più interessanti del mese. Oggi parliamo di Stephen Cornford, Werner Durand e Werner Dafeldecker.

  1. Stephen Cornford – Electrocardiograph of a Cathode Ray Tube (THLMS16)

Electrocardiograph of a Cathode Ray Tube è un progetto audiovisivo che applica una tecnologia di rilevamento biomedico a un apparato multimediale obsoleto. Per decenni i televisori a tubo catodico hanno mediato la nostra percezione del mondo al di là della nostra esperienza diretta, la nostra immaginazione modulata dai loro ritmi meccanici. Il lavoro di Stephen Cornford utilizza i monitor delle onde cerebrali / frequenza cardiaca per rilevare le risonanze elettromagnetiche dello schermo a tubo catodico e renderli udibili.

Electrocardiograph of a Cathode Ray Tube è uscito su cassetta per Thalamos in edizione limitatissima (70 copie).

Link audio: https://thalamosnet.bandcamp.com/album/thlms16-electrocardiograph-of-a-cathode-ray-tube

Stephen Cornford ha presentato Electrocardiograph of a Cathode Ray Tube alla Galleria Frittelli Arte Contemporanea il 20 ottobre 2017 per la rassegna TRK. Sound Club di Tempo Reale. Per l’intervista che gli abbiamo fatto in quell’occasione cliccare qui.

2.  Werner Durand – Schwingende Luftsäulen 2 (AG 19)

Schwingende Luftsäulen 2 è il secondo capitolo che Werner Durand dedica al Pan-Ney, strumento a fiato di sua invenzione, che segue l’uscita di Schwingende Luftsäulen 1 (2017). Il Pan-Ney è formato da un fascio di tubi in plexiglass senza fori per le dita, intonati per quinte perfette. Sono insufflati in modo obliquo, come il ney, il caratteristico flauto persiano e turco. Questo secondo capitolo, in cui Durand alterna il Pan-Ney con il sax tenore, si ricollega alla fine del primo, e procede lungo un percorso coerente in cui minimalismo storico e musica colta delle tradizioni extraeuropee si fondono mirabilmente per creare ambienti sonori immaginifici.

Schwingende Luftsäulen 2 è uscito su cd per Ants Records.

 Link audio: https://soundcloud.com/antsrecords/sets/werner-durand-schwingende-1

 

3.  Werner Dafeldecker – Small Words (ET 864-04)

La prestigiosa etichetta Edition Telemark ha pubblicato quest’anno l’edizione, finora inedita, del pezzo Small Words di Werner Dafeldecker, registrata nel 2004 al Taktlos Festival di Basilea.

Small Words è una partitura scritta per qualsiasi strumento: in questa versione i sei esecutori sono divisi in due trii virtuali le cui “costellazioni” cambiano ogni 3 minuti. Il gruppo coinvolto è composto da veri e propri fuoriclasse della musica improvvisata e classica contemporanea europea. Oltre a Dafeldecker al contrabbasso, ci sono Michael Moser al violoncello, Martin Brandlmayr e Burkhard Beins alle percussioni (questi tre insieme a Dafeldecker sono membri di Polwechsel, collettivo seminale del riduzionismo europeo), Klaus Lang all’organo e John Tilbury al pianoforte.

Werner Dafeldecker presenterà il suo nuovo lavoro elettroacustico Parallel Darks I+II il 13 giugno 2019 al Planetario di Firenze, un evento organizzato da Tempo Reale nell’ambito della rassegna Secret Florence.

 Link audio: http://www.edition-telemark.de/#86404

I dischi del mese | maggio 2019 ultima modifica: 2019-05-31T09:22:15+00:00 da Luisa Santacesaria

Lascia una risposta