Ogni cosa è elettrificata. Le investigazioni elettromagnetiche di Christina Kubisch

di Johann Merrich* Questa Breve Storia affonda le sue radici nel 1865, quando James Clerk Maxwell formalizzò una delle teorie più importanti per il progresso della nostra tecnologia: la teoria dell’elettromagnetismo. Capace di interpretare i fenomeni fisici indotti dalla corrente Leggi tutto…

Polonia: un altro suono oltre la cortina

di Johann Merrich* Come un arbusto radicato tra le crepe dell’asfalto, lo Studio Eksperymentalne Polskiego Radia di Varsavia si fece largo nella censura del regime comunista germogliando tra le fenditure aperte dagli scontri operai di Poznan nel giugno del 1956: Leggi tutto…

Mireille Chamass-Kyrou: la pioniera egiziana della musica concreta

di Johann Merrich* Nel luglio del 2019, la netlabel Nostalgie de la Boue ha pubblicato un brano inedito di Mireille Kyrou, pioniera della musica elettroacustica nata al Cairo; la traccia è inclusa nel disco Experimental Lineage, un trittico che propone Leggi tutto…

Gita Sarabhai e il primo Electronic Music Studio fondato in India

di Johann Merrich* Un prezioso articolo di Jude Rogers apparso tra le pagine del Guardian (I found the roots of the electronic music in a cupboard), un’accurata trasmissione di BBC Radio 3 (Electronic India), un’intervista della stimatissima Frances Morgan a Leggi tutto…

Lo strano caso di Ursula Bogner: frequenze per zittire il silenzio della musica elettronica tedesca

di Johann Merrich* Nell’ultimo ventennio, l’industria musicale indipendente e i nuovi media hanno posto le basi per la riscoperta delle gesta di alcune pioniere dell’elettronica, divenute oggi nomi celebri della ricerca musicale; ristampe di album misconosciuti, playlist, blog e comunità Leggi tutto…

Musica elettronica dalla zona grigia: Sofia Gubaidulina e il sintetizzatore ottico ANS

di Johann Merrich* Compositrice universalmente celebrata, sino agli anni Ottanta Sofia Gubaidulina ha vissuto in una zona grigia della produzione culturale russa, rintanata in uno squarcio segretamente aperto attraverso la rigorosa cortina del realismo socialista. In questo cono d’ombra, Gubaidulina Leggi tutto…

Brevi storie di musica elettronica | All’ombra del monte Fuji #4: Yoko Ono, contaminazioni, pregiudizi e dissenso

di Johann Merrich* Nessuna protagonista delle arti contemporanee è stata odiata quanto Yoko Ono; prima di avventurarci nell’ultimo viaggio in Giappone, sarà bene ricordare che l’ombra del pregiudizio ha una caratteristica essenziale: è sempre capace di zittire l’eco della storia. Leggi tutto…

Brevi storie di musica elettronica | All’ombra del monte Fuji #3: i sogni amplificati di Mieko Shiomi

di Johann Merrich* Come anticipato nella prima parte di queste Brevi Storie dedicate al Giappone, lo sviluppo della musica di sperimentazione elettroacustica ed elettronica seguì due cammini paralleli che non mancarono di mostrare alcune parentesi di intersezione: da una parte Leggi tutto…

Brevi storie di musica elettronica #7 | All’ombra del monte Fuji #2: Atsuko Tanaka e la prima installazione sonora

di Johann Merrich* Attribuire un’opera al regno dell’installazione sonora è un’operazione rischiosa; come afferma Giacomo Albert nel saggio Rapporti tra opera e fruitore nelle origini dell’installazione sonora (1900 – 1966), “l’installazione è un genere complesso, che contraddice la suddivisione lessinghiana Leggi tutto…

Brevi storie di musica elettronica #6 | All’ombra del monte Fuji #1: musica elettroacustica

di Johann Merrich* Questo mese il nostro viaggio dedicato alla (ri)scoperta delle protagoniste della storia della musica elettronica volge il suo sguardo a Oriente, soffermandosi ad accarezzare le creste curvilinee del monte Fuji. Il Giappone accolse la sua prima stazione Leggi tutto…